La salute del pavimento pelvico

La salute del pavimento pelvico

 

Cosa sono i muscoli del pavimento pelvico?

muscoli-pavimento-pelvico-perineo

I muscoli del pavimento pelvico si trovano tra l’osso pubico e la base della colonna vertebrale. Supportano la vescica e danno controllo sulla minzione. Possono diventare più deboli invecchiando o come risultato della gravidanza.

La noncuranza del perineo ha causato un indebolimento, sino quasi ad un’atrofia della zona perineale, con inevitabili disfunzioni di diversi gradi come prolassi degli organi genitali e incontinenza urinaria, che colpisce circa 1.200.000 donne tra 35 e 70 con un’incidenza che va dal 12 al 60% a seconda dell’età.

La frequenza di queste patologie, ma anche e soprattutto l’importanza di questo muscolo per le funzioni che svolge, sono necessariamente elementi che devono farci capire l’utilità di prendersene cura.

Una delle cose che possiamo fare e che costituisce una sana, semplice ma efficace prevenzione è la ginnastica perineale. Sappiamo che il perineo è un muscolo, quindi come tale va trattato! In gravidanza il lavoro sul perineo è utile per distendere i muscoli, aumentare la mobilità del bacino per prevenire eventuali danni da parto, tanto più se già durante i nove mesi si manifestano fughe di urina.

Dopo il parto gli esercizi promuovono il ripristino della situazione pregravidica e sono necessari per ritonificare questa zona che ha così duramente lavorato durante la gestazione per sostenere il peso del bambino e per favorirne la nascita.

In menopausa, la diminuzione di estrogeni causa una perdita di tonicità di tutta la muscolatura perineale, quindi lavorare sul perineo significa contrastare questa carenza ed evitare spiacevoli problematiche.

 

Perchè dovresti esercitarli?

La frequenza di queste patologie, ma anche e soprattutto l’importanza di questo muscolo per le funzioni che svolge, sono necessariamente elementi che devono farci capire l’utilità di prendersene cura.

Una delle cose che possiamo fare e che costituisce una sana, semplice ma efficace prevenzione è la ginnastica perineale. Sappiamo che il perineo è un muscolo, quindi come tale va trattato!

In gravidanza il lavoro sul perineo è utile per distendere i muscoli, aumentare la mobilità del bacino per prevenire eventuali danni da parto, tanto più se già durante i nove mesi si manifestano fughe di urina. Dopo il parto gli esercizi promuovono il ripristino della situazione pregravidica e sono necessari per ritonificare questa zona che ha così duramente lavorato durante la gestazione per sostenere il peso del bambino e per favorirne la nascita.

In menopausa, la diminuzione di estrogeni causa una perdita di tonicità di tutta la muscolatura perineale, quindi lavorare sul perineo significa contrastare questa carenza ed evitare spiacevoli problematiche.

Un pavimento pelvico debole può causare incontinenza da stress, ovvero una perdita di urina dalla vescica quando questa è sotto sforzo, tipicamente quando si tossisce, starnutisce o si fanno movimenti improvvisi.

La ginnastica del pavimento pelvico può rinforzare i muscoli prevenendo e riducendo i problemi di incontinenza. Molte donne, inoltre, hanno riscontrato un miglioramento del piacere sessuale, grazie ai muscoli del pavimento pelvico più allenati.

a cura della Dott.ssa Federica Rossi

 

Per i Costi CLICCA QUI

 

Prima Visita GRATUITA

 

PER INFO & PRENOTAZIONI

CHIAMA IL NUMERO 0541/ 199 99 09

NEGLI ORARI DI SEGRETERIA

O SCRIVI A INFO@RIMEDICAL.IT

 

[newsletter=2]

Agopuntura e dismenorrea. Perchè soffrire?

La dismenorrea, così chiamata, è caratterizzata da un dolore crampiforme nella parte bassa dell’addome, che insorge poco prima della comparsa del flusso e ha la sua massima intensità durante il primo giorno della mestruazione.

Al dolore si possono associare gonfiore dei seni, gonfiore addominale, diarrea, cefalea o emicrania e sintomi neurologici (nervosismo, difficoltà di concentrazione, faticabilità, cambiamenti di umore).

Ricordiamo che la dismenorrea costituisce la causa più frequente di assenza dal lavoro o da scuola per le donne in età fertile e colpisce una donna su cinque.

Bisogna distinguere le dismenorree primitive da quelle secondarie.

Le dismenorree primitive, come dice il nome, sono presenti sin dall’inizio, o subito dopo l’inizio dei cicli mestruali. Solitamente compaiono dopo almeno un anno dalla prima mestruazione.

dismenorrea

Si è notata una relazione tra disturbi funzionali del colon e sintomi dismenorroici.

Le forme secondarie appaiono invece in donne che per anni non ne avevano mai sofferto.In questi casi bisogna ricercare, attraverso un’accurata indagine ginecologica, le patologie che generalmente si celano dietro questo disturbo.

Questo articolo concerne specificamente le dismenorree primitive.

Colpisce le giovani donne, dove spesso si riscontra una tendenza generale alle contratture muscolari ed una distonia nervosa: contratture dei muscoli del collo, vertigini, crampi muscolari, colite spastica, palpitazioni, a parte il dolore mestruale.

E’ quello stato particolare che viene chiamato spasmofilia e che risponde bene alla somministrazione di calcio e magnesio a dosaggi molto bassi.

 

Le terapie usuali

Normalmente si ricorre a farmaci antinfiammatori, contraccettivi orali o spasmolitici. Tuttavia gli effetti sono sintomatici e non permangono dopo la sospensione dei farmaci.

Perché soffrire inutilmente? Si soffre inutilmente perchè l’agopuntura può risolvere in maniera definitiva il problema tra l’80 e il 90% dei casi.

Diciamo in maniera definitiva perché, una volta scomparso, il dolore mestruale non si ripresenterà più.
Non solo, ma bastano anche pochissime applicazioni.Si deve effettuare una sola seduta al mese, nei 4-5 giorni prima del flusso, per tre cicli mestruali.
In genere i risultati si osservano già dopo la prima seduta.

 

Altri consigli

Una dieta più ricca di calcio, manganese e magnesio e un esercizio fisico moderato ma regolare.

(fonte: www.agopuntura.it)

Per i Costi CLICCA QUI

 

Prima Visita GRATUITA

 

PER INFO & PRENOTAZIONI

CHIAMA IL NUMERO 0541/ 199 99 09

NEGLI ORARI DI SEGRETERIA

O SCRIVI A INFO@RIMEDICAL.IT

 

[newsletter=2]