LA TECNICA DEL NEEDLE SHAPING

Serve a trattare rughe d’espressione, cicatrici e labbra, senza iniettare alcun tipo di materiale o farmaco.

Il Vibrance è l’unica apparecchiatura per effettuare il Needle Shaping,  tecnica microchirurgica in grado di eseguire un micro trapianto nel sottocutaneo e contestualmente una biostimolazione. Utilizza questa tecnica per aumentare il volume di labbra, zigomi e cicatrici depresse senza iniettare alcun tipo di materiale o farmaco. 

Con questa tecnica, ideata dal Prof Giorgio Fippi si ottiene un microscopico auto trapianto di tessuto mediante un ago particolare estremamente sottile, simile a quelli usati per l’agopuntura.

Facendolo attraversare da una particolare corrente elettrica per agganciare le fibre elastiche del derma e ruotandolo opportunamente riusciamo a creare le volumetrie adatte al distretto che stiamo trattando donando volume alle zone svuotate dagli anni che passano. 

Il risultato che si ottiene è estremamente naturale con la possibilità di ripristinare anche volumi molto importanti (ovviamente non subito ) ma soprattutto con una stabilità che un filler non potrà mai promettere.

Un trattamento con un filler darà sempre un risultato immediato, ma purtroppo della durata solo di alcuni mesi. 

Una serie di trattamenti NEEDLE SHAPING con VIBRANCE invece permetterà di raggiungere un risultato molto naturale e della durata di anni.  Ovviamente, i risultati realmente definitivi, riguardano la correzione delle cicatrici depresse e le volumetrie delle parti non soggette a sollecitazione da parte della mimica. Invece le rughe da espressione, anche se alcune possono scomparire definitivamente, solitamente si ripresentano con una velocità che direttamente proporzionale alla mimica del soggetto. Nel caso delle labbra i risultati sono estremamente duraturi, anche parecchi anni, mentre per il cosiddetto codice a barre, quelle rughe a raggiera che si evidenziano pronunciando in modo esagerato la vocale “U”, spesso bisogna ritoccarle a distanza di alcuni mesi. Naturalmente, nelle aree donatrici, il tessuto si rigenera perfettamente dato che le fibre stirate del sottocutaneo non sono state danneggiate o asportate, ma solo assottigliate.

Le strutture donatrici riprendono i volumi iniziali nei ventotto giorni successivi, mentre la parte ricostruita, raggiunge il volume definitivo dopo circa sette giorni per mantenerlo a lungo.

 

AREE DI INTERESSE

  • Ricostruzione volumetrica di labbra
  • Trattamento rughe d’espressione
  • Idratazione del viso e decolletè
  • Ricostruzione dello zigomo
  • Riduzione della ritenzione idrica
  • Tonificazione cutanea
  • Elettrodrenaggio linfatico
  • Trattamento cicatrici
  • Mobilizzazione del tessuto adiposo
  • Push up seno e glutei

 

IDEALE PER

  • Liftare
  • Tonificare
  • Drenare

 

INDICAZIONI

Il paziente non percepisce alcun tipo di sensazione o fastidio al passaggio della corrente che avviene per il tempo strettamente necessario a permettere l’aggancio delle fibre del sottocutaneo che ci serviranno per ottenere i volumi desiderati.

Le sedute non possono essere effettuate se non siano trascorsi almeno ventotto giorni tra l’una e l’altra, tempo necessario ad un ciclo di ricrescita.

Potrebbero interessarti anche questi contenuti

MioDottore Awards 2018 – Sonia Ciampa tra i ...
Visite 3.6k
SONIA CIAMPA PRIMA CLASSIFICATA Categoria Medicina Estetica MioDottore annuncia i vincitori della prima edizione italiana dei MioDottore Awards, i...