Articoli

L’educazione come prevenzione dell’intolleranza alimentare.

Le cause dell’intolleranza alimentare

In questi anni si parla molto della intolleranza alimentare, definita spesso a ragione la causa di numerosi disturbi intestinali o extra intestinali, ma senza sapere davvero di cosa si tratti.

Tali disturbi sono legati ad alterazioni transitorie e reversibili, scatenate da reazioni immunitarie che coinvolgono le immunoglobuline di tipo G (al contrario delle allergie, che coinvolgono le IgE).

Sono state ipotizzate diverse cause alla base dell’eziologia dell’intolleranza alimentare, sebbene un ruolo preponderante è dato, come in molte patologie dallo stile di vita, dalla epigenetica e dall’ambiente.

Infatti i fattori esogeni a cui oggi molti di noi sono sottoposti nella quotidianità sembrano essere determinanti nello sviluppo di tali fenomeni.

Tra questi ricordiamo sicuramente l’inquinamento, la vita frenetica, la cattiva respirazione, la bassa ossigenazione, le difficoltà respiratorie (legate ad ansia, stress, depressione e alterazioni che coinvolgono la respirazione diaframmatica), la sedentarietà, la bassa qualità del sonno e non ultima la cattiva alimentazione.

In realtà parlare di buona o cattiva alimentazione è molto difficile, soprattutto in tempi nei quali comunicare la scienza e i risultati degli studi scientifici sembra essere davvero una impresa ardua.

Questo perché ci troviamo in una società nella quale esiste una babele di informazioni, spesso pilotate da frange pseudoscientifiche che alimentano la disinformazione e il terrorismo alimentare.

Sicuramente avere una alimentazione monotona e ripetitiva aiuta a sviluppare intolleranze alimentari dovute all’accumulo di sostante verso cui l’organismo crea reazioni infiammatorie.

Come anche mangiare cibo di bassa qualità, senza conoscerne la provenienza, il modo in cui sono state prodotte determinate derrate alimentari e mangiando senza criterio, ad esempio con una corretta masticazione.

Come ben sappiamo infatti, la digestione inizia dalla bocca, grazie alla presenza di enzimi capaci di digerire il cibo che mangiamo ogni giorno. Oppure grazie ad essa è possibile spezzare le fibre contenute nelle verdure, nella frutta e nei cereali, permettendo di digerirli senza problemi e senza creare una aumentata permeabilità intestinale.

L’educazione e la prevenzione dell’intolleranza alimentare

Uno degli obiettivi principali dell’educazione alimentare sarebbe far comprendere bene la differenza tra mangiare e nutrirsi.

Oggi non abbiamo bisogno di mangiare molti cibi, ma dobbiamo orientarci soprattutto verso una alimentazione cellulare, capace di fornirci i nutrienti necessari, come la scienza ha ormai chiaramente dimostrato.

In un mondo che vive di ricchezza e malattie legate alla iperalimentazione è paradossale che ci sia ancora chi dice di mangiare un po’ di tutto.

Perché la scienza ha dimostrato che è possibile seguire anche delle alimentazioni privative o restrittive quando seguite dagli esperti, come avviene per motivi etici o religiosi, ma ha dimostrato anche che vi sono alimenti utili e altri dannosi (contenenti all’interno antinutrienti e sostanze tossiche per l’uomo).

Del resto siamo in continua evoluzione. E la tanto decantata dieta mediterranea non è mai esistita come entità unica. Soprattutto perché in quel tempo le persone erano denutrite e avevano una aspettativa di vita bassa.

Oggi l’aspettativa di vita è molto elevata, grazie al miglioramento delle tecnologie, alla scoperta di strumenti quali il frigorifero e il congelatore, al miglioramento della sicurezza alimentare, ma si sta riducendo la qualità della vita e l’aspettativa di vita in salute, a causa di numerosi nostri comportamenti, compresa una cattiva alimentazione.
E teniamo presente che un corretto comportamento alimentare inizia fin da una buona spesa. Se abbiamo dentro casa cibo scadente, mangeremo quello.

Sta a noi scegliere: curarci con i farmaci o fare prevenzione con cibo e stile di vita. Naturalmente da soli è molto difficili saper fare queste scelte.

Per questo è importante rivolgersi agli esperti che possano guidarci nella quotidianità, insegnandoci cosa è davvero una corretta alimentazione.

Saper ruotare gli alimenti, fare i giusti abbinamenti, saper gestire le porzioni è fondamentale per ottenere lo stato di salute.

A questo è poi importante aggiungere piccole regole di vita, come la riduzione della sedentarietà, il prendersi il proprio tempo e soprattutto cercare di ridurre il proprio stress.

Solo così sarà possibile riuscire ad allontanare le problematiche che attanagliano la nostra società.

Avere delle intolleranze alimentari, senza saperle diagnosticare con certezza e senza saperle davvero curare con una alimentazione mirata, significa cronicizzare i sintomi. A volte ci abituiamo ad avere tali reazioni, abbassando notevolmente la qualità della vita.

Fonte: http://www.natrixlab.it/

Potrebbero interessarti anche questi contenuti

Intolleranze alimentari e allergie: trova le diffe...
Visite 406
Intolleranze alimentari e informazione Attualmente viviamo in un mondo in cui la maggior parte delle persone, nonostante i numerosi e crescenti canal...
Omega 3: quando, come e perché assumerli
Visite 228
I grassi buoni Nella società della finta prevenzione e del ricorso ai medicamenti che possano supplire ad uno stile di vita frenetico e poco salutare...
Il cibo e i bambini – Dott.ssa Cecilia Scala...
Visite 383
IL CIBO E I BAMBINI Dott.ssa Cecilia Scalabrino - Biologa Nutrizionista Il rapporto tra il cibo e i bambini è spesso difficile e a farne le ...
Dieta sbagliata altera per sempre l’ecosistema int...
Visite 415
Nell’intestino alberga un’abbondante flora batterica in buona parte costituita da batteri ‘buoni’ che controllano le molteplici funzioni intestinali e...

Intolleranze alimentari e allergie: trova le differenze!

Intolleranze alimentari e informazione

Attualmente viviamo in un mondo in cui la maggior parte delle persone, nonostante i numerosi e crescenti canali di comunicazione, è sempre più confusa e disinformata.

Questo perché da un lato c’è troppa disinvoltura nella divulgazione di argomenti spesso ostici e specialistici, e dall’altro eccessiva leggerezza nell’attribuire autorevolezza, complice anche la facile reperibilità, a informazioni che spesso non provengono da fonti accreditate né sono frutto di studi scientifici, ma scaturiscono da un approccio dogmatico che porta a schierarsi da una parte o dall’altra anziché informare.

Il campo delle allergie e intolleranze alimentari probabilmente è quello che necessita di maggiore chiarezza, soprattutto alla luce dellacrescente incidenza delle reazioni avverse agli alimenti, che oggi colpiscono gran parte della popolazione.

Il motivo di tali reazioni avverse non è solo da individuare nel cibo e nella sua qualità, sebbene esistano oggi sul mercato alimenti con caratteristiche nutrizionali largamente inadeguate: è infatti altrettanto vero che mai come ora, grazie al miglioramento delle tecnologie produttive e di controllo, sono disponibili alimenti di qualità largamente superiore a quelli di qualunque altra epoca.

Le cause scatenanti di tali reazioni sono da ricercare anche in fattori estrinseci al cibo, come ad esempio l’aria che respiriamo, lo stressquotidiano, la cattiva masticazione, le alterazioni a carico dell’intestino e del microbiota intestinale.

Differenze fra allergie e intolleranze alimentari: diagnosi e sintomi

Nonostante la crescente diffusione, c’è ancora molta confusione fra il concetto di ‘allergia’ e quello di ‘intolleranza alimentare’: in realtà si tratta di due disturbi nettamente distinti sia per quanto riguarda la sintomatologia sia per quanto riguarda la relativa diagnostica; vediamole nel dettaglio.

Allergie e intolleranze alimentari fanno parte di un vasto gruppo di disturbi definiti come ‘reazioni avverse al cibo’, i cui sintomi sono scatenati dall’ingestione di uno o più alimenti.

È possibile distinguere tra due tipi di reazioni avverse al cibo: tossiche o non tossiche. Mentre le prime sono legate soprattutto a intossicazioni alimentari o alla presenza di microorganismi patogeni che si sviluppano a seguito di una errata produzione o conservazione, le ultime dipendono dalla suscettibilità dell’individuo, e si suddividono in allergie e intolleranze alimentari, in cui il carattere diagnostico distintivo è rappresentato dalla ricerca di reazioni immunomediate, cioè modulate dal nostro sistema immunitario, la cui funzionalità è strettamente legata alla regolarità dei batteri intestinali.

Una adeguata funzionalità della parete intestinale è fondamentale nell’assorbimento del cibo e nella regolazione del sistema immunitario, per questo una delle cause alla base delle intolleranze alimentariconsiste nell’alterato assorbimento e nella sensibilizzazione al cibo.

La principale differenza tra allergie e intolleranze alimentari sta nel fatto che nelle prime si ha un’ipersensibilità di tipo I, mediata dalle IgE e da componenti cellulari primari quali mastcellule (per le quali le IgE hanno elevata affinità) o basofili in risposta a determinati allergeni.

Si tratta di reazioni immediate,sistemiche e intense, potenzialmente mortali, quando alla seconda esposizione all’allergene per cui si è sensibilizzati, si ha il legame dell’antigene con gli anticorpi IgE presenti sulle mastcellule e sui basofili sensibilizzati e si verifica la reazione, a seguito del rilascio di sostanze farmacologicamente attive e del rilascio di mediatori primari come istamina, o secondari come le prostaglandine e i mediatori dell’infiammazione.

Per questo, a seguito di una allergia, che può verificarsi anche solamente con il contatto dell’antigene verso cui si è sensibilizzati, compaiono sintomi spesso eclatanti come rossore, edema, secrezione di muco e in alcuni casi broncocostrizione e laringospasmo.

Le allergie alimentari non colpiscono una gran fetta della popolazione, e nonostante le stime siano spesso discordanti, sono altrettanto concordi sulla loro bassa incidenza; al contrario, le reazioni ‘non IgE mediate’, chiamate anche ‘intolleranze alimentari’, sono molto diffuse: sebbene oggi si stimi che gran parte delle persone che pensano di avere delle intolleranze alimentari abbiano in realtà solamente delle alterazioni intestinali quali la disbiosi intestinale (la cui diagnosi sarebbe facilmente effettuata con un test specifico), si stima che il 20% della popolazione ne sia affetta.

La difficoltà di diagnosi è legata al fatto che i sintomi possono comparire dopo un certo periodo di tempo dal consumo dell’alimento responsabile, non come avviene per le allergie, in cui la reazione si verifica nel breve periodo.

Anche la sintomatologia è completamente diversa, in quanto le intolleranze alimentari possono esordire con i sintomi di colon irritabile, cefalea o emicrania, stanchezza, orticaria.

Si tratta quasi sempre di sintomi dose-dipendenti, di entità meno grave e insorgenza meno acuta rispetto alle allergie: sintomi che nel tempo compaiono ogni volta che si ingerisce l’alimento verso cui si ha reazione.

I test per le intolleranze alimentari

Attualmente sono molti i test utilizzati nella diagnosi delle intolleranze alimentari, ed è necessario distinguere queste reazioni avverse al cibo da quelle che sono le intolleranze enzimatiche, conseguenza di difetti congeniti che impediscono di metabolizzare alcune sostanze presenti nell’organismo, come avviene ad esempio per la lattasi nell’intolleranza al lattosio (diagnosticabile con il Breath test), o per le reazioni legate alla celiachia (intolleranza permanente al glutine), la cui diagnosi viene effettuata in maniera predittiva con la ricerca nel sangue di anticorpi anti gliadina, anti endomisio e anti transglutaminasi, ma la cui diagnosi definitiva deve necessariamente avvenire attraverso una biopsia intestinale, che permette di valutare le tipiche alterazioni della malattia a livello della membrana intestinale.

Quando si parla di intolleranze alimentari, oggi ci si riferisce però a quelle dette anche ‘non IgE mediate’, con molte discussioni sull’affidabilità dei test per diagnosticarle.

Ad oggi, mancano dati scientifici che validino test finora molto conosciuti quali il Cytotest o il Vegatest, il Dria o altri sistemi che commercialmente hanno spopolato nel corso di questi anni.

La ricerca scientifica e gli studi prodotti nel campo hanno evidenziato invece una buona attendibilità per la ricerca delle immunoglobuline IgG nei confronti degli alimenti, con risultati clinicamente significativi, tenendo conto anche che le IgG hanno un’elevata emivita e rappresentano circa il 75% del pool delle immunoglobuline del siero totale.
Il dosaggio di questi anticorpi viene effettuato attraverso un prelievo di sangue venoso o capillare e il risultato ottenuto con la metodica standardizzata ELISA offre inoltre un alto grado di ripetibilità (> 90%), valutando fino a 184 alimenti, e permettendo di costruire una successiva prescrizione nutrizionale ad esclusione per il totale ripristino della tolleranza.

Infatti, mentre le allergie non vanno incontro ad un processo di guarigione, per le intolleranze alimentari è possibile tornare ad una remissione dei sintomi e delle alterazioni, grazie ad un percorso nutrizionale personalizzato.

Alcuni ricercatori stanno anche valutando una associazione tra i test di ricerca delle IgG con l’idrocolonterapia, che viene proposta come trattamento complementare, integrativo e naturale per sottrarre gli apteni, gli allergeni o le sostanze tossiche, responsabili del danno leucocitario, in quanto favorisce la detossinazione, insieme alla rimozione di scorie dal lume intestinale, infatti è stato dimostrato che anticorpi IgG aumentano la permeabilità della parete dell’intestino tenue e portare ad allergia alimentare.

Fonte: http://www.natrixlab.it/

Potrebbero interessarti anche questi contenuti

Test delle Intolleranze Alimentari
Visite 986
  ALLERGIE E INTOLLERANZE ALIMENTARI Un certo cibo può far male senza che lo sappiate. Molte persone non sono malate in modo specifico, ma so...
L’educazione come prevenzione dell’int...
Visite 232
Le cause dell’intolleranza alimentare In questi anni si parla molto della intolleranza alimentare, definita spesso a ragione la causa di numerosi dis...

Test delle Intolleranze Alimentari

 

ALLERGIE E INTOLLERANZE ALIMENTARI

Un certo cibo può far male senza che lo sappiate.

Molte persone non sono malate in modo specifico, ma soffrono di persistenti disagi e disturbi di cui non riescono a venire a capo.
Ebbene, molti di loro possono in realtà soffrire di una intolleranza alimentare, cioè essere intolleranti ad uno o più di quei cibi che quotidianamente trovano a tavola.

[image_wrap]http://www.rimedical.it/wp-content/uploads/2012/12/rimedical-intolleranze-alimentari.jpeg[/image_wrap]

Tali persone solitamente accusano questi disturbi per anni e anni, provando ogni tipo di cura (anche le cosiddette “alternative”) senza sapere che tutto potrebbe dipendere da un certo alimento mal accetto dal loro organismo.

Stanchezza cronica, cefalea, asma, dermatiti… possono essere tutti sintomi di una intolleranza alimentare, vale a dire reazioni del vostro organismo ad alimenti presenti normalmente nella dieta: cibi comuni, insospettabili, ma che costituiscono uno stimolo tossico capace di dare luogo a vari e numerosi disturbi.

Praticamente qualunque organo o sistema può essere interessato da un problema conseguente ad un alimento sfavorevole all’organismo:
– Cefalea, emicrania, nevralgia
– Allergie, asma, rinite, eczemi
– Dermatite, orticaria, psoriasi, acne
– Sovrappeso, obesità, cellulite
– Colite, colon irritabile, meteorismo, costipazione, diarrea
– Dismetabolismo, diabete non insulino-dipendente
– Ipotiroidismo, ipertiroidismo
– Micosi (candida)
– Dismenorree, disturbi del ciclo, perdite vaginali
– Artrite reumatoide, artriti
– Aritmie cardiache, palpitazioni, ipertensione
– Disturbi del comportamento, dell’attenzione
– Astenia cronica, depressione, labilità d’umore
– Vertigini, insonnia, agitazione notturna

D’altra parte non è facile scoprire l’alimento tramite il comune buon senso (per esempio: “appena mangio questo sto male”) perché l’effetto dell’intolleranza non è immediato (come lo è invece per le allergie), si accumula nel tempo, e non è facilmente ricollegabile al cibo che la determina.

Quindi la correlazione fra alimento sospetto e disturbo non è così evidente come nelle allergie, ma è subdola e difficilmente identificabile, se non con particolari metodiche di indagine.

L’intolleranza alimentare non è esattamente un’allergia, ma può mantenere in piedi un’allergia vera e propria (ai pollini, agli acari, ecc.): per esempio una persona può soffrire di asma allergica “da graminacee” senza sapere che in realtà è intollerante ad un certo alimento, magari al pomodoro o al frumento, che gli stimola la sensibilità allergica.

Ma allora perché i comuni esami allergologici non hanno rivelato ciò? Perché le intolleranze non sono IgE-mediate, vale a dire seguono meccanismi biochimici diversi da quelli delle allergie, senza produzione di IgE (anticorpi legati alle allergie ed ai parassiti) , per cui sfuggono agli esami standard.

Quindi analisi come il Prick, il Rast, ecc., non sono adatti a scoprire questo tipo di ipersensibiltà.

Esistono invece delle nuove metodiche che sembra possano aiutare ad individuare questo tipo di disturbo identificando quelli dannosi per il nostro organismo, tramite il Test delle Intolleranze Alimentari, anche se è ormai chiaro che esistono alcuni alimenti che determinano con più facilità di altri reazioni particolari da parte dell’organismo.

I test si basano sui principi diversi rispetto alla medicina convenzionale.
Secondo il metodo legato alla Kinesiologia Applicata, branca della medicina che studia e misura il tono muscolare nelle varie condizioni fisiologiche e patologiche, la valutazione delle variazioni di tono muscolare (che si verificano quando il paziente ingerisce la sostanza da testare o ne è a contatto) consente di valutare la sensibilità verso quella stessa sostanza.

Eventuali apparecchiature elettroniche controllate da computer consentono di amplificare ed evidenziare la risposta.

Secondo il metodo legato diagnostico legato alle macchine bio-elettroniche ( Vega , Elettro-agopuntura secondo Voll etc.), i test consentono di indagare moltissime sostanze ed alimenti con le quali comunemente si viene a contatto non solo quando si mangia.

Tutti questi test posseggono numerosi vantaggi rispetto ai comuni esami:
– sono del tutto innocui
– sono assolutamente indolori
– non richiedono prelievi di sangue
– non richiedono scarificazioni cutanee
– sono di semplice e rapida esecuzione
– sono ripetibili a piacimento
– l’esito è immediato

Questa alterate sensibilità ad alcuni alimenti richiedono terapie individualizzate e legate al momento funzionale fisiologico di ogni singolo individuo e comprendono diversi momenti diagnostici e terapeutici:

– Rimozione dei fattori predisponenti (sono molteplici e devono essere attentamente individuati durante la visita)
– Dieta di eliminazione (sospensione per un periodo limitato (uno/due mesi) del consumo dell’alimento “incriminato”, fino a successiva reintroduzione dello stesso)
– Trattamento fitoterapico e/o omeopatico di fondo (lfacilita il recupero della normale funzionalità e rinforza il sistema immunitario nonché la costituzione stessa del paziente)
– Supplementazione nutrizionale (integrazione vitaminica e/o oligoterapica)

I disturbi possono scomparire molto rapidamente, già all’inizio del periodo di correzione dietetica, per non comparire neanche se il paziente riprende le precedenti abitudini alimentari (se ovviamente le cause sono state rimosse).

dott. RAFFAELE PASTORE
medico chirurgo
Dr Raffaele Pastore – Tel. 0731/208469-333.3337183 E-mail : rapasto@libero.it

PRENOTA LA TUA CONSULENZA

CHIAMANDO IL NUMERO 0541/ 199 99 09

NEGLI ORARI DI SEGRETERIA

oppure via mail a info@rimedical.it

 

[newsletter=2]

 

Potrebbero interessarti anche questi contenuti

L’educazione come prevenzione dell’int...
Visite 232
Le cause dell’intolleranza alimentare In questi anni si parla molto della intolleranza alimentare, definita spesso a ragione la causa di numerosi dis...
Obesità e sovrappeso: non basta l’indice di massa ...
Visite 404
Il semplice calcolo del valore del famoso Indice di massa corporea (Imc) non è una misura affidabile se oltre al rapporto peso/altezza si desidera con...
Intolleranze alimentari e allergie: trova le diffe...
Visite 406
Intolleranze alimentari e informazione Attualmente viviamo in un mondo in cui la maggior parte delle persone, nonostante i numerosi e crescenti canal...
Guarire con la Medicina Integrata
Visite 244
   GUARIRE CON LA MEDICINA INTEGRATA Sfruttare le peculiarità e le specificità delle medicine allopatica e non convenzionale offre nuove possib...