Articoli

Dolore cronico, in tanti scelgono cure alternative ai farmaci

Oltre la metà prova agopuntura, chiropratica, erbe ma molti non lo dicono al proprio medico curante: necessario invece discuterne per migliorare le terapie

Il dolore non dà tregua, nonostante i medicinali prescritti dal medico. Così la tentazione di provare altre strade è tanta, spesso irresistibile: secondo un’indagine statunitense pubblicata sull’American Journal of Managed Care, oltre la metà dei pazienti con un dolore cronico sceglie di tentare la via delle medicine alternative e si sottopone ad agopuntura, va dal chiropratico o altro. Spesso e volentieri, però, senza farne parola con il proprio curante.

Indagine su casi di dolore cronico

Lo studio, parte del progetto RELIEF mirato a confrontare i risultati di agopuntura e chiropratica nei pazienti con dolore cronico, ha coinvolto oltre 6000 persone che nell’arco di diciotto mesi fra il 2009 e il 2011 si erano rivolte almeno tre volte a un ambulatorio per un problema di dolore cronico. In media si trattava di sessantenni con una predominanza al femminile (il 71 per cento) e una maggioranza di casi di dolore alla schiena, alle articolazioni, al collo o anche mal di testa, artrite e dolori muscolari. A tutti è stato sottoposto un questionario in diciassette domande per indagare, oltre al tipo di dolore sofferto, anche i trattamenti in uso. È emerso che il 58 per cento dei partecipanti associava alle terapie standard cure complementari di vario genere, ma una buona percentuale di questi si guardava bene dal discuterne col curante: il 35 per cento di chi aveva scelto l’agopuntura non ne aveva parlato al medico, ad esempio, così come il 42 per cento di chi si era rivolto al chiropratico.

Migliorare la condivisione

Tutti però dichiaravano che avrebbero volentieri condiviso le loro esperienze con il curante, se questi avesse fatto domande al riguardo: nessun intento di nascondere qualcosa di cui ci si “vergogna” insomma, semmai un’iniziativa autonoma quando non si riesce a trovare sollievo secondo le vie tradizionali. «I nostri dati mostrano che il ricorso alle terapie alternative per la cura del dolore, in associazione ai farmaci standard, è un fenomeno molto diffuso – osserva Charles Elder del Kaiser Permanente Center for Health research, coordinatore dell’indagine –. Purtroppo però i medici non ci pensano e non chiedono nulla in merito ai loro pazienti, che spesso e volentieri tacciono se non sono spronati a discuterne. Un corto circuito nella comunicazione che sarebbe bene risolvere e superare: sapere che cosa sta facendo il paziente, anche di sua iniziativa, e soprattutto capire quale approccio eventualmente stia funzionando o al contrario lasci il tempo che trova sarebbe utile per arrivare a terapie più efficaci o per consigliare approcci a cui magari non si è ancora pensato. Il dialogo fra medico e paziente deve essere aperto su tutti i fronti, senza reticenze, perché le cure siano davvero utili e risolutive».

Fonte: http://www.corriere.it/

Potrebbero interessarti anche questi contenuti

VISO: LE NUOVE TECNICHE ANTI AGING DI MEDICINA EST...
Visite 559
Filler ed enzimi rivoluzionari, terapie genetiche e integratori, che danno turgore alla pelle e rimodellano il volto con risultati duraturi Si può ga...
L’agopuntura e il feto in posizione podalica
Visite 444
Uno degli effetti dell'agopuntura, meno noto ma non meno importante, è quello di poter evitare il taglio cesareo quando il feto si trova ancora in pos...
Erbe che fanno dimagrire, ecco quelle che fanno pe...
Visite 301
Erbe che fanno dimagrire, quelle che fanno perdere peso velocemente, sempre che ovviamente si segua anche un regime alimentare adeguato e uno stile di...
Agopuntura e dismenorrea. Perchè soffrire?
Visite 328
La dismenorrea, così chiamata, è caratterizzata da un dolore crampiforme nella parte bassa dell'addome, che insorge poco prima della comparsa del flus...

Erbe che fanno dimagrire, ecco quelle che fanno perdere peso velocemente

Erbe che fanno dimagrire, quelle che fanno perdere peso velocemente, sempre che ovviamente si segua anche un regime alimentare adeguato e uno stile di vita tutt’altro che sedentario. Non esistono pozioni miracolose o altri escamotage per perdere peso quasi per incanto. La maggior parte delle diete che promettono questo spesso disattendono le attese, anche se poi ve ne sono alcune che riescono nel loro intento, solo che lo fanno a scapito della salute. Le diete “iper” qualche cosa hanno quasi sempre delle controindicazioni, sono sconsigliate ad alcune categorie di persone, e queste non andrebbero prese in considerazione perché qualche danno lo fanno, il più delle volte non nell’immediato ma nel lungo periodo. Resta quindi la soluzione più logica, ovvero quella di adeguare il regime alimentare di tutti i giorni alle esigenze del momento, eliminando quindi tutti quegli alimenti che sono i principali responsabili dell’aumento ponderale e che, guarda caso, sono anche quelli meno amici della salute. È necessaria una dieta equilibrata, con la giusta quantità e ovviamente anche qualità di proteine, carboidrati, vitamine e fibre, tutti necessari al buon funzionamento dell’organismo.
Bisogna poi non trascurare l’attività fisica che deve essere costante, non necessariamente intensa, quindi anche moderata, ma da praticare tutti i giorni. Se poi a questi accorgimenti si aggiungono anche alcune erbe officinali che sono perfette per perdere peso, i risultati non tarderanno a farsi vedere. Ma vediamo ora di quali erbe si tratta. Il tè verde, un’erba le cui foglie contengono una infinità di sostanze dalle tante eccellenti proprietà. Flavonoidi, tannini, polifenoli, zinco, fluoro e tante vitamine, sono tutte sostanze che non solo fanno bene alla salute, ma che aiutano anche a perdere peso. Accelerano il metabolismo e quindi consentono di bruciare più facilmente le calorie assorbite senza contare poi che i polifenoli riducono l’assorbimento dei lipidi e dei glicidi alimentari, a tutto vantaggio della linea.

L’aloe vera, una delle erbe officinali che più di altre aiuta a perdere peso. Questo grazie alle tante proprietà naturali di cui è ricca, a partire dalle fibre che aiutano quindi a regolare efficacemente la funzionalità intestinale e quindi ad eliminare più facilmente le scorie dell’organismo. Non solo, perché anche gli enzimi, gli aminoacidi, i minerali e le vitamine di cui è ricca aiutano a loro volta a riprendere il controllo della forma fisica. Quindi, si tratta di qualcosa che non dovrebbe mai mancare in casa.
Altra erba officinale è il Guaranà, una pianta originaria dell’America latina, che può essere considerata a tutti gli effetti una eccellente alternativa al caffè. Dalle foglie larghe e dai frutti simili appunto a quelli del caffè, si tratta di una pianta da tenere in seria considerazione, visto che è una eccellente bruciagrassi, anche se oggettivamente da noi è poco conosciuta e, probabilmente, anche di non facile reperibilità. Questo non vuol dire che non la si posa ricercare. In tutti i casi online è possibile reperirla abbastanza facilmente, solo che i costi sono oggettivamente non proprio amichevoli per il borsellino.
Il Tarassaco, una pianta spontanea, nota anche come Dente di leone, Soffione e ancora altri nomi. È una pianta ricca di tante sostanze ottime per l’organismo, tra cui l’inulina, carotenoidi, Sali minerali, e vitamine. Queste Guaranàsostanze la rendono particolarmente indicata come disintossicante e diuretica, ottima per la salute di fegato, reni ed intestino, ma anche come anti-fame, quindi in grado di far perdere rapidamente i chili di troppo che si vuole eliminare. La sua azione drenante è particolarmente efficace, per cui aiuta anche a contrastare la ritenzione idrica e quindi anche la cellulite. Attenzione però perché il Tarassaco è controindicato a chi ha problemi di gastrite o ulcera, inoltre potrebbe avere delle interazioni con alcuni farmaci, in particolare i FANS.

Fonte: http://www.tuttasalute.net/

Potrebbero interessarti anche questi contenuti

Dolore cronico, in tanti scelgono cure alternative...
Visite 289
Oltre la metà prova agopuntura, chiropratica, erbe ma molti non lo dicono al proprio medico curante: necessario invece discuterne per migliorare le te...
LE METE DOVE DIMAGRIRE IN SETTE GIORNI
Visite 960
Dieta, esercizio fisico, riposo: basta una settimana per dare una "sferzata" a viso e corpo. Ecco gli indirizzi giusti per dimagrire in sette giorni. ...
RIMEDI NATURALI PER PERDERE PESO, TISANE DRENANTI
Visite 323
Una buona tisana drenante può aiutare a perdere peso, ovviamente è un aiuto in più alla dieta e va assocciata, oltre che ad una corretta alimentazione...
La dieta proteica per perdere 6 chili in un mese
Visite 654
Per perdere peso con rapidità ma senza danneggiare l’ organismo, la dieta proteica sfrutta al massimo il processo di assimilazione degli alimenti. ...